Sorbetto ai fichi d’India

9 Febbraio 2015

 

SORBETTO AI FICHI D'INDIA

 

Ora siamo fuori stagione ma ho molti arretrati da mettere online.

 

Sorbetto ai fichi d'India

 


 

RICETTA

SORBETTO AI FICHI D'INDIA

 

90 g acqua
110 g zucchero
2 g stabilizzante (facoltativo)
 
300 g purea filtrata di fichi d'India
q.b. succo di limone

 

Prima di tutto vi consiglio di leggere la pagina sulle spiegazioni generali per realizzare gelati e sorbetti.

Se usate lo stabilizzante: versate l'acqua in un pentolino, scaldate fino a 40°, nel frattempo mescolate zucchero e stabilizzante (fate attenzione che lo stabilizzante non abbia grumi, nel caso setacciatelo), quindi versateli sull'acqua. Portate ad ebollizione, spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo.

Se non usate lo stabilizzante: versate acqua e zucchero in un pentolino, portate ad ebollizione, quindi spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo. Personalmente a casa non uso mai stabilizzanti per i sorbetti di frutta.

Preparate la purea filtrata di fichi d'India. Prendete dei fichi d'India maturi, ne serviranno circa 700 g. Indossate dei guanti usa e getta per evitare che le spine si conficchino nella pelle delle mani. Prendete un coltello e tagliate via le due estremità dei fichi d'India, quindi incidete la scorza per lungo e tiratela per staccarla dalla polpa interna del frutto. Versate la polpa in una ciotola, continuando così per tutti i frutti. Frullate la polpa con un mixer ad immersione, quindi filtratela usando un colino ed il dorso di un cucchiaio, in maniera da eliminare i semini.
Pesate quindi 300 g di purea filtrata di fichi d'India e versatela in una ciotola. Aggiungete lo sciroppo freddo e qualche goccia di succo di limone, frullate con un mixer ad immersione fino ad ottenere un composto liscio.
Coprite con pellicola trasparente a contatto sulla superficie del composto, quindi riponete la ciotola in frigorifero a maturare per 3-4 ore circa. Questo periodo di maturazione non è obbligatorio, ma è consigliato per ottenere un risultato migliore.
Dopo la maturazione versate il composto nella gelatiera e preparate il sorbetto seguendo le istruzioni della macchina che state usando.

 


 

DEGUSTAZIONE

 

Gelati e sorbetti vanno degustati molto freddi, ovviamente. L'ideale sarebbe consumarli appena escono dalla gelatiera, in quel momento rendono al massimo.

Abbinamenti consigliati da teonzo:
Birra Märzen
Tè Ruanzhi
Succo di carota

 

 

4 Responses to “Sorbetto ai fichi d’India”

  1. Lorenzo

    Fatto qualche mese fa, sapore delicato. La cosa migliore era il colore: fuxia scuro, quasi viola. Molto coreografico.

    Avevo provato a farli anche lasciando i semi ed il sapore era piu' intenso (migliore) ma risultava fastidioso da mangiare.

  2. teonzo

    Beato te che trovi i fichi d’India totalmente maturi, qui arrivano ancora un po’ verdi ed indietro come maturazione. Trovarne uno con la polpa viola è difficile purtroppo.

     

    Teo

     

  3. Titti

    Ciao Teo, prima di tutto mi complimento per il blog, leggendo i tuoi articoli trasmetti passione, perseveranza e curiosità che per me è da stimolo conferendomi spesso nuove conoscenze e colmando alcune lacune. Io ho una cioccolateria da soli due anni, faccio anche un po' di pasticceria ma per ora non posso permettermi investimenti in gelateria, capirai che in estate soffro un po'. Lo scorso anno ho fatto dei sorbetti su stecco seguendo le regole dei bilanciamenti, e ho avuto un Buona risposta dai clienti. Certo non erano mantecati, cosa ne dici? È giusto? Con il limone ho avuto il problema che le zeste che mettevo salivano in superficie. (Uso un buon abbattitore). Inoltre ho fatto dei semifreddi su stecco (mi sembravano un po' pesanti) e delle praline congelate sempre a base di semifreddo. Ti chiedo qualche consiglio per sopravvive con eleganza alla bella stagione che incombe. Compro il gelato da una amica pasticcera per testare la risposta, mi dedico a torte semifreddo? Il sorbetto su stecco lo riconfermo ma non so è giusto saltarne la mantecazione.Ps. Ho una piccola gelatiera casalinga da 1kg, i risultati non mi sembrano ottimali per un negozio. Grazie mille!!!

  4. teonzo

    ciao Titti,

    la gelatiera casalinga lasciala perdere, totalmente inadatta. Lascia perdere anche i sorbetti non mantecati.

    Puoi metterti a fare granite, se hai l’abbattitore fai anche presto a farle. Poi semifreddi su stecco ricoperti di cioccolato (tipo Magnum) giocando coi gusti. Poi ghiaccioli su stecco multigusto (che sono anche belli da vedere). Poi mousse leggere già pronte in bicchiere. Tutta roba pronta da consumare subito, nel senso il cliente la vede già esposta e deve solo chiederla, attira di più le persone e ti risparmia lavoro di servizio.

     

    Teo

     

Leave a Reply

Copyright © TEONZO – blog di pasticceria. All rights reserved.