Confettura di rabarbaro

6 maggio 2014

 

CONFETTURA DI RABARBARO

 

In Italia usiamo pochissimo il rabarbaro, è un peccato perché ha un gusto ottimo.

 


 

RICETTA

CONFETTURA DI RABARBARO

 

1000 g coste di rabarbaro
600 g zucchero
q.b. succo di limone

 

Prima di tutto vi consiglio di leggere la pagina sulle spiegazioni generali per realizzare marmellate e confetture.
Prendete le coste di rabarbaro (devono essere belle rosse), lavatele ed asciugatele. Tagliate le due estremità delle coste, poi tagliatele a metà per il lungo, poi tagliatele a dadini di circa 15 mm. Pesate quindi i dadini di rabarbaro ottenuti. Calcolate il peso di zucchero: moltiplicate il peso del rabarbaro per 0.6. Ad esempio se avete ottenuto 1350 g di rabarbaro dovete calcolare 1350 x 0.6 = 810; in questo caso ipotetico servirebbero 810 g di zucchero. Sopra ho messo 1000 g e 600 g come indicazione, poi ovviamente dipende da quanto rabarbaro avete.
Prendete una pentola capiente, versate il rabarbaro e lo zucchero, mescolate per distribuire lo zucchero in maniera omogenea, quindi versate un po' di succo di limone filtrato (la quantità dipende dai gusti). Fate macerare per circa 5-6 ore: lo zucchero deve sciogliersi, il rabarbaro deve rilasciare del succo ed assorbire un po' di zucchero. Nel caso in cui dopo un'ora lo zucchero non si sia sciolto, allora versate un po' di acqua e mescolate, quindi continuate con la macerazione.
Dopo aver completato la macerazione ponete la pentola su fiamma massima, mescolate piuttosto frequentemente con una spatola in silicone e portate a cottura, quindi invasettate.

 


 

AROMATIZZAZIONI

 

Potete aromatizzare questa confettura in molti modi diversi: alloro, angelica, brandy, cannella, cardamomo, kirsch, mandorle a filetti, menta, noce moscata, pepe, pimento, vaniglia, zenzero…
Sul come procedere vi rimando ancora alle spiegazioni generali.

 

 

6 Responses to “Confettura di rabarbaro”

  1. Monica Ribustini

    Ciao TEo, 

    Sono d'Accordo con te, il rabarbaro in ITalia si usa poco ed è' quasi introvabile. Il poco che c'è  viene dall'Oriente e non sa di molto. In nord europa (FRancia, Svizzera, GErmania, ecc) si usa regolarmente – ho mangiato delle tartes ottime!-. Ho provato anche a piantare dei semi ma per ora non si vede nulla….aspetto paziente e chissa' che non riesca a farne una coltivazione…

    a presto, 

    Monica

  2. teonzo

    Spero ti crescano le piante!

    Tra l’anno scorso e quest’anno sono diventato idrofobo a cercarlo. Ormai si fa fatica a trovare tutto quello che è fuori dalle 10-15 cose che vendono. Sono mesi che cerco mele renette e non le vende più nessuno, è un vero assurdo. Idem le mele granny smith o le pere decana, le cerco da un pezzo per fare un dessert e non ce le ha nessuno. Manco cercassi frutta tropicale rara, si parla di specie della nostra tradizione!

     

    Teo

     

  3. Eleonora

    ciao Teo, pochi giorni fa avevo visto una crostata di fragole e rabarbaro che mi aveva colpito…e vorrei provare a farla (andando alla cieca…non ho mai mangiato il rabarbaro!!!). Ed ecco che mi salti fuori anche tu con la confettura! sarebbe perfetta per questa crostata…

    ma…di cosa sa il rabarbaro? è un gusto molto particolare o mi posso fidare a propinarlo alla famiglia? è questa la sua stagione, potrei riuscire a trovarlo dal fruttivendolo?

    grazie mille. Ciao!

  4. teonzo

    Le coste di rabarbaro, nonostante siano coste e non frutta, hanno un gusto fruttato ed acido, lontanamente possono ricordare i lamponi.

    Trovarle dai fruttivendoli in zona è semplicemente impossibile. Io avrò girato una trentina di fruttivendoli ed almeno una dozzina di mercati di paese, mai trovate da nessuna parte. Queste me le ha procurate un amico di un ristorante di Pordenone (ossia mi è toccato andare fino a Pordenone per procurarmi delle coste di rabarbaro).

     

    Teo

     

  5. Eleonora

    ciao! stasera vado a ritirare dal mio fruttivendolo 6 kg di rabarbaro, quantità minima che era disposto a procurare…20euro in tutto.  Non è economico ma nemmeno un salasso come avevo letto in giro. ecco, così finalmente mi tolgo la curiosità di provarlo! ti saprò dire…  ciao!!!  :-)

  6. teonzo

    20 euro è un prezzo accettabile! A me avevano proposto 7 kg per 50 euro, manco morto. Attendo i commenti allora!

     

    Teo

     

Leave a Reply

Copyright © TEONZO – blog di pasticceria. All rights reserved.