Sorbetto alle prugne Stanley

16 Settembre 2013

 

SORBETTO ALLE PRUGNE STANLEY

 

Oggi vi propongo il sorbetto con le prugne Stanley. Potete usare questa ricetta per qualsiasi altro tipo di prugne (Santa Rosa, Regina Claudia…).

 

Sorbetto alle prugne Stanley

 


 

RICETTA

SORBETTO ALLE PRUGNE STANLEY

 

90 g acqua
90 g zucchero
2 g stabilizzante (facoltativo)
 
320 g purea di prugne Stanley filtrata
q.b. succo di limone

 

Prima di tutto vi consiglio di leggere la pagina sulle spiegazioni generali per realizzare gelati e sorbetti.

Se usate lo stabilizzante: versate l'acqua in un pentolino, scaldate fino a 40°, nel frattempo mescolate zucchero e stabilizzante (fate attenzione che lo stabilizzante non abbia grumi, nel caso setacciatelo), quindi versateli sull'acqua. Portate ad ebollizione, spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo.

Se non usate lo stabilizzante: versate acqua e zucchero in un pentolino, portate ad ebollizione, quindi spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo. Personalmente a casa non uso mai stabilizzanti per i sorbetti di frutta.

Preparate la purea di prugne Stanley. Prendete delle prugne Stanley (serviranno circa 600 g), lavatele ed asciugatele. Tagliatele a metà ed eliminate il nocciolo. Versate la polpa di prugne Stanley in una ciotola ed aggiungete qualche goccia di succo di limone. Frullate con un mixer ad immersione fino ad ottenere una purea. Filtrate la purea con un colino, in modo da eliminare i pezzetti di buccia. Pesate quindi 320 g di purea di prugne Stanley filtrata e versatela in una ciotola. Aggiungete lo sciroppo freddo e frullate con un mixer ad immersione fino ad ottenere un composto liscio.
Con questo metodo ottenete un sorbetto dal colore rossastro, perché frullando anche le bucce queste rilasciano parte del loro colore alla purea. Se preferite ottenere un sorbetto giallastro (come il colore della polpa senza buccia) allora dovete pelare le prugne prima di tagliarle a metà. Per farlo dovete sbollentarle per circa 30 secondi, quindi versarle in acqua e ghiaccio fino a raffreddamento. Dopo questa operazione sarà più facile staccare la buccia dalla polpa. Se seguite questo metodo però usate prugne con polpa ancora soda, altrimenti dopo la sbollentatura diventa ben arduo pelarle.
Coprite con pellicola trasparente a contatto sulla superficie del composto, quindi riponete la ciotola in frigorifero a maturare per 3-4 ore circa. Questo periodo di maturazione non è obbligatorio, ma è consigliato per ottenere un risultato migliore.
Dopo la maturazione versate il composto nella gelatiera e preparate il sorbetto seguendo le istruzioni della macchina che state usando.

 


 

DEGUSTAZIONE

 

Gelati e sorbetti vanno degustati molto freddi, ovviamente. L'ideale sarebbe consumarli appena escono dalla gelatiera, in quel momento rendono al massimo.

Abbinamenti consigliati da teonzo:
Birra Golden Ale
Tè Tung-ting
Infuso alla noce moscata

 

 

Leave a Reply

Copyright © TEONZO – blog di pasticceria. All rights reserved.