CRÈME BRÛLÉE ALL'ALLORO

 

Questa crème brûlée è ideale da servire in abbinamento a dei formaggi erborinati.

 

Crème brûlée all'alloro

Dosi per circa 10 porzioni (grandezza da pre-dessert).

 


 

RICETTA

CRÈME BRÛLÉE ALL'ALLORO

 

250 g latte intero fresco
250 g panna fresca
20 nr foglie di alloro
-  
125 g albumi
100 g zucchero

 

Versate il latte e la panna in una ciotola, scaldate al microonde fino quasi ad ebollizione. Aggiungete le foglie di alloro, coprite con pellicola trasparente e tenete in infusione per un paio di ore, scaldando di tanto in tanto.
Da questo punto procedete in maniera normale, come spiegato nel post di spiegazioni generali sulle crème brûlée. L'unica differenza è che qui si usano gli albumi e non i tuorli.

 


 

CONSIDERAZIONI

 

Questa crème brûlée è totalmente analoga a quella al rosmarino che avevo messo online l'anno scorso. Cambia solo che al posto degli aghi di rosmarino ho usato le foglie di alloro per l'aromatizzazione. Anche questa è adatta per essere servita come pre-dessert, ossia come passaggio dai piatti salati a quelli dolci. L'ideale secondo me, come scritto nell'introduzione, è servirla in abbinamento a dei formaggi erborinati. Vi consiglio però di servirla sempre in porzioni piccole da pre-dessert, in porzione intera rischia di essere pesante.

 


 

DEGUSTAZIONE

 

La temperatura ideale di degustazione di una crème brûlée è attorno ai 10°, quindi è consigliato tirarle fuori dal frigo una decina di minuti prima della caramellatura.

Abbinamento consigliato da Oigroig:
Riesling alsaziano Sélection de Grains Nobles

Abbinamenti consigliati da teonzo:
Birra Dunkelweizen
Tè Gunpowder
Centrifugato di sedano

 

 

2 Responses to “Crème brûlée all’alloro”

  1. Monica Ribustini

    Caro Teo, non avevo letto la ricetta al rosmarino, gli ho dato un'occhiata: è da studiare e leggere con attenzione, ma proverò senz'altro una delle due! Grazie, Monica

  2. Anna

    Non sapevo che questa preparazione si potesse fare con i soli albumi, la proverò di sicuro. Ho tantissimo da imparare, grazie Teo.

Leave a Reply

Copyright © TEONZO – blog di pasticceria. All rights reserved.