Gelato al cocco

27 giugno 2012

 

GELATO AL COCCO

 

Nelle prossime settimane cercherò di pubblicare varie ricette di gelati e sorbetti, dato che siamo ormai in piena estate. Si comincia con questo al cocco.

 

Gelato al cocco

 


 

RICETTA

GELATO AL COCCO

 

120 g panna fresca
80 g latte intero fresco
200 g latte di cocco
90 g zucchero
2 g stabilizzante (facoltativo)
-  
60 g cocco rapè

 

Prima di tutto vi consiglio di leggere la pagina sulle spiegazioni generali per realizzare gelati e sorbetti.
Se usate lo stabilizzante: versate panna, latte e latte di cocco in un pentolino, scaldate fino a 40°, nel frattempo mescolate zucchero e stabilizzante (fate attenzione che lo stabilizzante non abbia grumi, nel caso setacciatelo), quindi versateli sui liquidi. Portate alla temperatura di 82-85° (aiutatevi usando un termometro da cucina), spegnete il fuoco e versate la base per il gelato in una ciotola.
Se non usate lo stabilizzante: versate panna, latte, latte di cocco e zucchero in un pentolino, portate alla temperatura di 82-85° (aiutatevi usando un termometro da cucina), quindi spegnete il fuoco e versate la base per il gelato in una ciotola. Personalmente a casa non uso mai stabilizzanti.
Coprite con pellicola trasparente a contatto sulla superficie della base per il gelato e fatela raffreddare in un bagnomaria di acqua e ghiaccio. È importante raffreddarla il più velocemente possibile per limitare la formazione di carica batterica. Se la fate raffreddare a temperatura ambiente durante l'estate allora ci vuole troppo tempo.
Una volta raffreddata la base per il gelato, riponetela in frigorifero a maturare per 12-24 ore circa. Questo periodo di maturazione non è obbligatorio, ma è consigliato per ottenere un risultato migliore, specie se usate lo stabilizzante.
Dopo la maturazione aggiungete il cocco rapè alla base per il gelato e mescolate per distribuirlo in maniera uniforme. È importante aggiungere il cocco rapè appena prima di mantecare il gelato perché questo ha la tendenza ad assorbire liquidi. Se lo aggiungete prima della maturazione allora il cocco rapé assorbirà parte dei liquidi della base per il gelato, siccome questo è un dato che non si può prevedere (dipende da troppi fattori) allora si rischia solo di sbilanciare la ricetta.
Versate il composto nella gelatiera e preparate il gelato seguendo le istruzioni della macchina che state usando.

 


 

DEGUSTAZIONE

 

Gelati e sorbetti vanno degustati molto freddi, ovviamente. L'ideale sarebbe consumarli appena escono dalla gelatiera, in quel momento rendono al massimo.

Abbinamento consigliato da Oigroig:
Infuso di menta

 

 

5 Responses to “Gelato al cocco”

  1. xian

    :) posso chiederti, da profano, quali fattori? 
    A che temperatura l'infuso di menta? 

  2. teonzo

    Dipende principalmente dal tipo di cocco rapè e da quanto tempo resta dentro alla base per il gelato. Il cocco rapè è polpa di cocco disidratata, chiaramente non può essere tutta uguale: dipende dal frutto di partenza, da come e quanto è stato essiccato, da come è stato macinato (quanto grandi e di che forma sono i pezzetti). Poi la quantità di liquidi che assorbe dipende dal tempo in cui resta dentro alla base, non è un processo immediato, ci vogliono ore prima che arrivi ad assorbire il suo massimo. Incide anche la temperatura: se immerso in un liquido caldo allora assorbe liquidi più in fretta che in un liquido fretto. Come vedi incidono un sacco di cose. Si fa prima ad aggiungerlo a secco appena si mette la base in gelatiera, così si va sicuri. Chiaramente il cocco rapè resterà più duro, ma non è un difetto, un po' di croccantezza al palato non dà fastidio.

    Per l'infuso di menta ci sono un sacco di modi diversi. Quello più comune è versare le foglie di menta in acqua bollente e lasciarle 2-3 minuti. Puoi usare anche acqua a temperatura più bassa, sui 60°, e fare un'infusione più lunga (3-4 minuti). Ma puoi benissimo fare un'infusione a freddo, metti acqua e foglie di menta in un contenitore a chiusura ermetica, lo lasci in frigo per 12-15 ore e sei a posto (questo credo sia il metodo migliore vista la stagione e l'uso). Un ultimo modo può essere questo: sbianchi le foglie di menta (le versi in acqua bollente per 20 secondi, poi le scoli e versi in acqua e ghiaccio a far raffreddare subito), poi le versi nell'acqua e frulli tutto col mixer ad immersione (o col frullatore), lasciando poi la menta dentro l'acqua. Come quantità direi sui 20-25 g di foglie di menta per litro di acqua, ma qui dipende da quanto forte vuoi il risultato finale.

     

    Teo

     

  3. xian

    Fantastico! :D Dettagliatissimo come sempre! Grazie!

  4. federica

    che bel blog interessante!complimenti!!! avrò da imparare!!inserisco il tuo blog nella mia pagina così non ti perdo di vista!!!!ciao!!

  5. teonzo

    ciao Federica,

    grazie mille per i complimenti!

    Buon lavoro per il tuo blog!

     

    Teo

Leave a Reply

Copyright © TEONZO – blog di pasticceria. All rights reserved.